Vitamina C

Quando tua mamma ti consiglia di prendere la vitamina C


Cos’è?

Se ti dico acido ascorbico, ti dice qualcosa? Ti suona familiare? A me zero! Ma vitamina C?
Ma quante volte sentiamo questa parola tra pubblicità, nostri medici, nostra madre, nostro padre.
Come si dice spesso “la mamma ha sempre ragione”, purtroppo per noi figli, spesso è così.
Ma in fin dei conti è per il nostro bene, per rafforzare il nostro sistema immunitario.

La vitamina C, fa proprio questo, aiuta a rafforzare il nostro scudo, vale a dire il nostro sistema immunitario. Se il nostro scudo scudo è di cartone, la vitamina C cerca di farlo diventare di ferro, quindi più resistente agli attacchi ai quali siamo esposti quotidianamente.

Si tratta di un micronutriente necessario per la normale crescita e la salute dei tessuti e delle nostre cellule.

Da chi dobbiamo difenderci?
La lista è lunga, ma principalmente dai famosi raffreddori, malattie tumorali, cardiache e le famose allergie primaverili.

Come riesce a fare da scudo la vitamina C?

Qui entrano in campo i linfociti, sono delle cellule che giocano in difesa incaricate proprio delle difese immunitarie, inducendole a produrre l’interferone, che non sono altro che delle sostanze chimiche difensive.

Ma non si ferma qui queste sostanze della vitamina C, svolgono altre azioni:

  • azione antinfiammatoria e antivirale
  • azione antiossidante (rimanere giovane e bello)

Dove trovo la vitamina C?

Menomale che c’è un po’ dappertutto negli alimenti, soprattutto nella frutta e verdura, anche se non tutta la frutta e verdura ne contiene la stessa quantità. Alcuni ne hanno davvero poco.

L’EFSA, Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare, ha stabilito che la quantità consigliabile per le donne è di 80mg al giorno e di 90 mg per gli uomini. Mentre il SINU, Società Italiana di Nutrizione Umana, consiglia 105mg al giorno per gli uomini e 85 mg per le donne.

Tieni presente che la Vitamina C, non è possibile immagazzinarla nell’organismo, in quanto è idrosolubile (si scioglie in acqua). Per averla devi avere una corretta alimentazione che deve diventare il tuo modo di vivere.

Se non voglio la vitamina C?

Puoi provarci se vuoi a non assumere questo micronutriente, ma rischi di avere la stessa sorte che toccò ai marinai fino all’800. Puoi avere lo scorbuto; statisticamente ci sono stati più morti per scorbuto che per naufragi o combattimenti navali.
Lo scorbuto si manifesta con:

  • sanguinamenti gengivali
  • debolezza
  • astenia
  • anemia
  • difficoltà digestive
  • lenta cicatrizzazione delle ferite
  • caduta dei denti
  • dolori muscolari

Sì, ma non esagerare!

Come tutte le cose, se ne fai un uso eccessivo, può portarti dei problemi, come vomito, diarrea, vertigini, bruciore di stomaco. Quindi è importante prenderne la giusta dose e soprattutto puntare sulla qualità e non sulla quantità.

Quali sono gli alimenti più ricchi di vitamina C?

Diciamo che la classifica è bella lunga: Peperoni, ananas, arance, cavoli, kiwi, fragole per dirne alcuni.

Ma fai attenzione perchè in questa classifica non c’è l’alimento più ricco di vitamina C in assoluto. Non è presente perché ancora poco conosciuto in Italia, ma in paesi come il Giappone, America, è da diversi anni che viene consumato e valorizzato.
E’ un alimento che proviene dalla foresta amazzonica del Perù, un frutto che contiene fino a 30 (c’è chi dice 40-50) volte la quantità di Vitamina C di un’arancia? E noi di Wfood abbiamo fatto tutto il possibile per poterlo portare a casa tua

Non ci credi? Scopri di più


Iscriviti Alla Newsletter

Iscrivendoti ottieni uno sconto del 5% da utilizzare per il tuo prossimo ordine. Inoltre sarai aggiornato sulle novità, promozioni, storie e leggende dei nostri prodotti Superfoods Peruviani.


.